"Bisogna conoscere il passato per capire il presente e orientare il futuro" Cit. Tucidide 431 404 a.C.

"Bisogna conoscere il passato per capire il presente e orientare il futuro" Cit. Tucidide 431 404 a.C.

Ancora una volta I.De.A (Italian Dental Assistant), è stata accolta nella prestigiosa aula Magna della Dental School, sede Universitaria nella città di Torino, nonché Centro di eccellenza per l'assistenza, la didattica e la ricerca in campo odontostomatologico. 
            
Un sentito  ringraziamento  per la disponibilità e la professionalità va al  Sig. Valerio Burello,  Socio Fondatore della Società Italiana di Storia dell'Odontostomatologia (SISOS), appassionato collezionista e preparato storico e alla Dott ssa Carcieri,  per 13 anni docente presso l’Università di Novara nel corso di laurea in Igiene Dentale e presso l’Università di Torino nel Master di primo livello in Patologia Orale per Odontoiatri ed Igienisti Dentali.

Abbiamo ripercorso, insieme ai numerosi presenti, i vari periodi storici dell'odontoiatria, dalla preistoria all'era moderna, dall'evoluzione dell'anestesia alla pratica dell'odontoiatria dei Barbieri e dei ciarlatani.

Ci siamo soffermati sulle cure alle quali si sottoponevano le nobil donne, con attrezzature particolari come le lime per rimodellare denti estrusi dalle parodontiti.

Sorprendente è stato visionare lo strumentario,  come curettes rudimentali racchiuse in una trousse e diverse varietà di ventagli, utilizzati per nascondere i sorrisi ed aliti non particolarmente gradevoli.

È stato entusiasmante analizzare l'evoluzione degli spazzolini utilizzati nelle varie epoche, rifiniti e spesso personalizzati, come quello di Napoleone, con manici in madreperla e setole naturali.
Un salto indietro anche per primi dentifrici, collutori, fili interdentali.

Abbiamo assaporato una realtà, oggi parecchio distante dalla nostra.

Le ambientazioni riproducono quattro studi odontoiatrici di varie epoche. Si parte da quello del 1884 poltrona con sputacchiera, il porta strumenti e il trapano a pedale, fino ad arrivare a quello del 1950 che ricorda gli studi attuali.

Ci ha affascinato la riproduzione dell’ambulatorio di un dentista dei primi del Novencento, che ci ha permesso di apprezzare una poltrona con un primo riunito e trapano a turbina, alimentata da un compressore a vista, silenziato da una campana di vetro sopra la meccanica.

Tra le ambientazioni proposte, anche quella che riproduce un laboratorio odontotecnico della fine dell’Ottocento, con un banco a tre posti dell’epoca e una serie di strumenti, attrezzi e materiali che permettono di simulare le varie lavorazioni praticate: dalla tiradischi per forgiare le corone stampate al vulcanizzatore per realizzare le protesi in caucciù, dalle prime fonditrici ad arco voltaico con fusione a fionda o dalla “carmagnola”, ai primi trapani da banco e a pedale.

I colleghi, intervenuti numerosi alla nostra iniziativa, hanno espresso sincero plauso per l'organizzazione e per l'affascinante realtà che hanno avuto modo di apprezzare. 

La giornata si è conclusa con la promessa di rivederci nel 2018 con nuove proposte culturali e formative di sicuro interesse. IDEA ringrazia gli organizzatori dell'evento, le nostre preziose coordinatrici per la regione Piemonte, Rosaria Formato e Maria Teresa Schirripa.

"Il professor Johnston diceva spesso che se non sapevi la storia, non sapevi nulla. Eri una foglia che non sapeva di essere parte di un albero."
(Michael Crichton)

 

 


  

Contattaci

Per informazioni su date, sedi ed eventuali quote di partecipazione, compila il form:

Compila i seguenti campi